Torna indietro

Le erbe aromatiche: il rosmarino

Cresce nelle regioni costiere del Mediterraneo. Utilizzato non solo come erba aromatica in cucina ma anche come pianta ornamentale.
Già presente nella letteratura greca e romana come rimedio in medicina.
Può essere coltivato in piccoli vasi di cotto del diametro di 15-20 cm. Il suo olio essenziale ha un'azione tonificante e stimolante a livello del sistema cardiocircolatoro e del sistema nervoso centrale. Il rosmarino produce un effetto stimolante anche della funzione gastrointestinale, con blanda attività diuretica; favorisce la digestione e l'appetito, combatte la cefalea e l'affaticamento.
Possiede anche un'azione battericida, aiuta nelle secrezioni bronchiali e ad abbassare il colesterolo. Utile in andropausa e menopausa, con un'azione riparatrice della mucosa intestinale aiuta la fissazione del calcio ed è quindi utile nell'osteoporosi.
In cosmesi viene utilizzato per le sue azioni deodoranti, purificanti, stimolanti e tonificanti, utili per pelli grasse, come ingrediente negli shampoo per rafforzare i capelli deboli e, sotto forma di impacchi, aiuta a favorire la cicatrizzazione di piccole ferite.
In aromaterapia, l'olio essenziale stimola i livelli energetici perché contiene canfora, che è un'attivatore del sistema nervoso, stimola la circolazione, la memoria e regola il flusso mestruale.
L'olio essenziale di rosmarino è controindicato in caso di ipertensione, in gravidanza e nei soggetti epilettici.


2012 © - Declino di Responsabilità - Cookies Policy Icon powered by Fotolia/Rosa Lenoci Web designed & Developement Art.com snc